';
woman

MEDICINA ESTETICA

La medicina estetica rappresenta un modo molto meno invasivo e cruento della chirurgia estetica, per ottenere comunque dei miglioramenti di inestetismi anche importanti a carico di viso e corpo, per tempi più o meno lunghi a seconda dei vari metodi. Un grande vantaggio della medicina estetica è anche che può essere praticata in modo sicuro, agevole, semplice e veloce, senza preparativi o interruzioni della normale routine quotidiana, dati i rapidi tempi e le agevoli modalità di recupero.

Acido Ialuronico
L’acido ialuronico è un polisaccaride naturale presente in molti tessuti di tutti gli organismi viventi. Questa molecola, diversamente dal collagene, è priva del rischio di reazioni di tipo allergico (come scientificamente provato e descritto in molti articoli scientifici prestigiosi), e non sono necessari test di sensibilizzazione allergica. Con l’acido ialuronico è possibile creare volume, riducendo la profondità dei solchi cutanei ed aumentando il volume e il contorno delle labbra.
Dopo la procedura iniettiva, che si effettua dopo aver trattato la zona con pomata anestetica, può talvolta comparire edema (gonfiore) per alcuni giorni ed arrossamento della parte trattata. Tali sequele di norma regrediscono spontaneamente senza nessuna altra complicanza; raramente si possono formare dei piccoli lividi (ecchimosi). La durata del trattamento è variabile, ma in media possiamo considerare un tempo di circa 4-6-12 mesi; dopo questo tempo le zone trattate riacquisteranno progressivamente l’aspetto pre-iniezione, e una nuova seduta di infiltrazione sarà consigliabile.
Una modalità interessante di iniezione dell’acido jaluronico è la biorivitalizzazione, effettuata su viso, collo e dorso delle mani. Si tratta di infiltrazioni di acido jaluronico a molecole prevalentemente libere e diffusive in senso orizzontale (non “crosslinkate”). L’effetto ottenuto non potrà dunque essere di riempire i solchi o appianare completamente le rughe, ma si otterrà un rassodamento dei tessuti, un’apprezzabile distensione delle rughe minori ed un ringiovanimento globale. Il miglioramento è visibile da subito ma sono consigliabili almeno 2-3 sedute a 3 settimane di distanza l’una dall’altra. Il risultato finale è un viso più riposato e disteso, oltre ad una pelle compatta, luminosa e tonica.
Questo tipo di cura è consigliato anche come prevenzione e mantenimento, vista la straordinaria efficacia di questo trattamento nel mantenere un viso giovane e luminoso.

La Tossina botulinica
La neurotossina botulinica di tipo A è un derivato di labobratorio proveniente da colture di Clostridium Botulinum . Questa tossina agisce inibendo la placca neuromuscolare e bloccando la trasmissione degli impulsi nervosi ai muscoli, col risultato di determinare un’inibizione funzionale dei muscoli interessati, per una durata di circa 4-8 mesi.
Il pericolo di grave tossicità è praticamente nullo. L’indicazione principale è per il trattamento di rughe e solchi cutanei determinati dalla ripetuta azione dei muscoli sottostanti. Si tratta di deformità dinamiche, che si accentuano ed attenuano in risposta alle espressioni mimiche facciali e in particolare nella parte alta della faccia. Rughe e solchi provocati dall’avvizzimento cutaneo o dall’ eccessivo rilassamento della pelle NON rispondono alla tossina botulinica.
Le indicazioni più comuni sono:
Rughe perioculari (ai lati degli occhi “zampe di gallina”)
Rughe e solchi glabellari (tra le sopracciglia “rughe del pensatore”)
Rughe frontali “di espressione”
Iperidrosi ascellare, palmo delle mani e dei piedi (eccessiva sudorazione).

Fili cutanei
I fili estetici rappresentano una delle innovazioni più interessanti della medicina estetica per contrastare i segni del fotoinvecchiamento cutaneo. In realtà si tratta di un riutilizzo, in medicina estetica, di materiali usati per decenni per suture chirurgiche a lento riassorbimento. I fili estetici sono usati per sollevare e ripristinare volumi e superfici perdute, attenuare le rughe e quindi migliorare l’aspetto di viso e corpo. Zone del corpoche possono essere trattate con i fili sono: l’interno delle braccia, le cosce, i glutei, le ginocchia e tutte le zone di rilassamento cutaneo.
Esistono fili di svariate tipologie:
1) fili estetici di biostimolazione: stimolano la rigenerazione del collagene e quindi promuovono la solidità e l’elasticità della pelle trattata
2) fili estetici di tensione: determinano un effetto “lifting” moderato
3) fili estetici da trazione: determinano un effetto “lifting” maggiore

I fili biostimolanti svolgono un’azione di sostegno alla pelle in caso di cedimento cutaneo, con un’azione rigenerante sui tessuti. Essi sono riassorbibili ma il loro effetto stimolante la fibrosi e la rigenerazione di collagene è di lunga durata..
Alcuni esempi di indicazione al trattamento con i fili di biostimolazione (ideale fra i 30 ed i 60 anni quando vi è ancora una buona sintesi di fibroblasti) sono:

• pieghe naso-labiali evidenti
• guance scavate
• zigomi poco pronunciati
• collo (in caso di pelle da rassodare)
• sopracciglia
• rughe del décolleté
• braccia, cosce e glutei (in caso di tessuti troppo rilassatai e cadenti)
• per ridefinire il profilo della mandibola

Fili estetici da tensione e da trazione:
Si tratta di un trattamento ambulatoriale o addirittura da studio medico, con minime incisioni in anestesia locale, che pur non sostituendo il lifting chirurgico, si propone come trattamento equivalente ma meno invasivo, per coloro i quali cercano un risultato naturale ma senza cicatrici e senza ricorrere alla chirurgia. I fili da tensione (più corti e posizionati mediante aghi appuntiti) e da trazione (più lunghi e posizionati mediante cannule smusse o lunghi aghi) sono inseriti sotto la pelle per correggere alcune imperfezioni del viso. Le zone del viso e del corpo che meglio si prestano a questo trattamento sono:
• sopracciglia e palpebre cadenti
• terzo medio ed inferiore del volto
• braccia e glutei
Solitamente occorrono 2-3 mesi dal trattamento per apprezzare un miglioramento estetico stabile.

La mesoterapia
La mesoterapia o Terapia Intradermica Distrettuale (TID) è un trattamento di medicina estetica (ma non solo) per viso e corpo.
Si basa su aghi piccolissimi (di Lebel) di 4-6 mm di lunghezza e molto sottili; queste dimensioni consentono la corretta somministrazione intradermica del medicamento prescelto (omeopatico o farmacologico). Ogni iniezione rilascia circa 0.1 ml di prodotto e questo comporta la formazione di un piccolo ponfo cutaneo che scompare nell’arco di poche ore.
La via di introduzione intradermica riduce gli effetti collaterali (rarissimi in caso di mesoterapia omeopatica), evita la degradazione che si avrebbe in caso di assorbimento orale e/o rettale (in quanto il metabolismo cutaneo è meno aggressivo di quello del fegato) ed aumenta dunque il comfort e la sicurezza del paziente; sperimentazione scientifica e pratica clinica hanno provato la permanenza del medicamento nella sede iniettata fino a 5 giorni, consentendo quindi una cadenza settimanale delle sedute e oltre. Tra le sostanze che possono essere iniettate, vi sono ad esempio sostanze lipolitiche (che sciolgono il tessuto adiposo), come la fosfatidilcolina, farmaci vasoattivi (che proteggono i vasi sanguigni), antiinfiammatori e antiedemigeni (contro dolore e gonfiore) a seconda della specifica condizione.
Il protocollo prevede, a seconda delle sostanze, 5-10 sedute a frequenza settimanale e un successivo periodo di mantenimento di durata variabile in base agli effetti ottenuti; il recupero dopo la mesoterapia è pressochè immediato, non essendovi restrizioni particolari, salvo evitare, nelle prime 24-48 ore, l’esposizione a raggi UV (sole e lampade), l’esecuzione di saune, massaggi, linfodrenaggi.